Storia - Carnevale Strianese

Vai ai contenuti

Menu principale:



STORIA DEL CARNEVALE STRIANESE
È probabile che il Carnevale fondi le sue radici nelle feste dionisiache greche o i saturnali romani. Probabilmente anche la cultura carnascialesca a Striano fonda le radici nelle feste romane, in quanto  il centro era abitato sin dall’epoca preromana come testimonia il rinvenimento della necropoli risalente al IX secolo a.C. Durante le feste dionisiache e saturnali si realizzava un temporaneo scioglimento dagli obblighi sociali e dalle gerarchie, un vero e proprio trionfo contro i vincoli, per lasciar posto al rovesciamento dell'ordine, allo scherzo e anche alla dissolutezza. La storia del Carnevale dunque dà tutt’altro significato a questa festività rispetto a quello religioso infatti in sostanza era un modo per salutare l’inverno dando il benvenuto alla stagione primaverile portatrice di fertilità e fecondità. I festeggiamenti sregolati e lussuriosi del Medioevo furono presto ridimensionati in quanto non visti di buon occhio dalla Chiesa. E così il carnevale iniziò ad esser festeggiato nel ‘500 all’interno delle corti dove attori in maschera si esibivano in musiche, danze e balli.

Nella cultura cattolica il Carnevale, il cui termine deriva dal latino carnem levare (togliere la carne), rappresenta il periodo prima della Quaresima che ha inizio con il mercoledì delle ceneri e durante la quale non è concesso mangiare la carne.

Striano ha sempre celebrato il carnevale. Tradizioni secolari collegati strettamente anche alla cultura culinaria. L’antico Casatiello Strianese, un panino biscottato dalla forma di lontro (tipica imbarcazione del Fiume Sarno), fatto con farina gialla di granturco, nasce proprio dalla tradizione del carnevale. È una pietanza che si consuma per tradizione il martedì grasso e durante la settimana santa e il periodo pasquale.

Feste in maschera presso le case o la parrocchia, sfilate cittadine, balli e canti legati alla tradizione eseguiti dagli alunni nei corridoi delle scuole, il carnevale strianese era un carnevale improvvisato e privo di organizzazione, sino a quando nel 1981 non si pensò di realizzare il primo carro allegorico raffigurante “Il cavallo di Troia” che sfilò incessantemente per la città assieme a tanta gente mascherata.
Da allora è nata l’esigenza di organizzare le celebrazioni del carnevale e per coinvolgere quanta più gente nella realizzazione dei carri si divise il territorio cittadino in 5 rioni: Arco, Marzo, Piazza, Saudone e Troccole. Da questo momento il carnevale strianese è cresciuto tantissimo, assumendo una rilevanza non solo regionale ma anche nazionale. Pertanto, si ritenne opportuno nel dicembre 2006 istituire l’associazione culturale ed artistica “Carnevale Strianese”, con lo scopo di coordinare e programmare le iniziative inerenti al carnevale nella città di Striano.

Il 18 dicembre 2011 viene inaugurata la Cittadella del Carnevale, sede dell’associazione e “industria” dei carri allegorici, realizzata adeguando la struttura dell’ex mercato ortofrutticolo. La cittadella rappresenta l’unica opera pubblica nella regione Campania utilizzata esclusivamente per la realizzazione di carri allegorici.

Raffaele Massa

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu